Aeronautica militare filippina in allerta per l'avvicinamento delle navi cinesi al porto

La difesa filippina è in massima allerta per scoraggiare qualsiasi incursione cinese lungo il loro porto. I cinesi hanno rivendicato gran parte del Mare del Sud, il che ha minacciato la pace.

Militari filippini in allerta contro i pescherecci cinesi

Secondo una dichiarazione del ministro della difesa, l'esercito filippino è in stato di massima allerta, soprattutto quando i pescherecci cinesi entrano nel porto conteso. Ha continuato a chiedere alla Cina di ritirare le sue navi per ridurre la tensione.

Questa faida è iniziata all'inizio della partita quando circa 210 navi cinesi sono state avvistate nel porto di Whitsun, che è adiacente all'isola di Palawan. Il governo filippino ha detto che l'incursione della nave non era necessaria perché le Filippine sono una nazione sovrana.

Tuttavia, la Cina non vuole sentire questo, poiché sostiene che la maggior parte del Mar Cinese Meridionale, di cui l'isola fa parte, appartiene alla Cina. I ministri degli esteri filippini hanno inviato una protesta formale alle Nazioni Unite e ad altre agenzie. Nazioni occidentali come l'Australia e gli Stati Uniti hanno detto che la situazione è preoccupante, data la situazione tesa nella regione.

Il governo filippino avverte la Cina di non intensificare le tensioni nella regione

Il governo aveva inviato la marina e i funzionari costieri per indagare sulla situazione e riferire. Il segretario alla Difesa Delfin Lorenzana ha anche detto che le pattuglie aeree saranno portate in assistenza. Vogliamo proteggere il nostro territorio da qualsiasi incursione, e lo faremo con tutta la dovuta diligenza", ha detto il segretario alla difesa Delfin Lorenzana.

Ha aggiunto che la gente dovrebbe aspettarsi di vedere più ufficiali navali e costieri in tutte le acque. Sabato, il presidente filippino Rodrigo Duterte ha detto di essere molto preoccupato per la situazione e di volere che la Cina rispetti la situazione del paese. La Cina ha regolarmente usato la politica della linea a nove trattini per rivendicare la proprietà della maggior parte del Mar Cinese Meridionale, ma non è d'accordo con una sentenza internazionale del 2016 che respinge la sua rivendicazione.