La pandemia aumenta i tassi di cancro a causa del declino dello screening medico

A causa della marea crescente di casi di covid-19 nell'ultimo anno, molti centri medici, cliniche e laboratori hanno dovuto chiudere o ridurre i loro orari di apertura, il che ha avuto un impatto negativo sul numero di test medici che i pazienti possono avere.

Gli studi hanno dimostrato questa teoria

Studi di routine come mammografie, prostata e altri che permettono l'individuazione di diversi tipi di cancro, hanno dovuto essere cancellati a causa del confinamento, permettendo lo sviluppo di questa malattia non essendo diagnosticato. Questa situazione ha conseguenze disastrose nella popolazione mondiale viene rilevato lo stato delle cellule maligne in un punto più avanzato, peggiorando la salute dei pazienti.

Una ricerca dell'Epic Health Research Network mostra che a metà giugno, gli screening per il cancro al seno, alla cervice e al colon erano diminuiti del 29-36%, aggiungendo che centinaia di migliaia di screening in meno erano stati effettuati rispetto al 2019.

La società di consulenza Avalere Health

Un'ulteriore analisi della società di consulenza Avalere Health, effettuata per la Community Oncology Alliance (che rappresenta gli specialisti indipendenti del cancro), ha rilevato che il numero di tali procedure esplorative effettuate a novembre è diminuito di circa il 25% rispetto a quelle del 2019. Hanno anche riferito che il tasso di biopsie, il test eseguito per diagnosticare il cancro, è diminuito di circa un terzo.

La paura causata dal virus covid-19 era molto più grande della paura di non avere i test necessari per individuare varie malattie, in questo caso il cancro. Questo ha creato una resistenza da parte dei pazienti ad andare negli ospedali o nei centri di salute, poiché vedono questi centri come punti esclusivi di diffusione del coronavirus, vedendo la necessità di stare lontano per paura di prenderlo, ha detto Patrick Borgen, presidente del dipartimento di chirurgia al Maimonides Medical Center di Brooklyn.